giappone

30 OTTOBRE - 10 NOVEMBRE

DOMENICA 30 0TTOBRE -ITALIA/TOKYO

Partenza da Trieste in auto pullman riservato per l’aeroporto di Venezia e in seguito partenza per Tokyo con volo Emirates alle 15: 25 via Dubai.
Volo notturno. Pasti a bordo.

LUNEDÌ 31 OTTOBRE – TOKYO

Arrivo alle ore 17:20 e trasferimento in minivan in hotel.
In serata, passeggiata a piedi nel vibrante quartiere di Kabuki-cho con assistente italiano: le luminarie, i locali aperti fino a tarda notte, la musica, i travestimenti bizzarri dei giovani fanno di Kabuki-cho una delle icone del Giappone moderno.
Rientro in hotel e pernottamento.

Come chiamarla? Metropoli? Megalopoli? Città-stato? Nessuna definizione è adeguata per definire l’agglomerato umano che si condensa in questo spazio immenso,
affollatissimo, che copre complessivamente 88 km da est a ovest e 24 da sud a nord, e che comprende 23 circoscrizioni elettorali, 26 città minori, 7 cittadine e 8
paesi.
Tornando indietro nella storia, nessuno avrebbe potuto immaginare che il piccolo, tranquillo villaggio di pescatori chiamato Edo, vicino alla foce del fiume Sumida, si sarebbe sviluppato in questo modo così gigantesco e glorioso. Fu solo nel XIX secolo che l’Imperatore, staccandosi dalla tutela dello shogunato, spostò qui la capitale da Kyoto, e la cittadina di Edo cambiò nome in Tokyo (“capitale dell’est”, come indicano i suoi caratteri cinesi). Da allora, la città crebbe in modo tumultuoso e disordinato.

MARTEDÌ 01 NOVEMBRE- TOKYO

Intera giornata di visite con guida e minivan privato della capitale del Giappone: il grande santuario shintoista Meiji Jingu con il suo sontuoso parco, l’area elegante di Marunouchi (la via più cara del Giappone), la piazza del Palazzo Imperiale, il quartiere di Asakusa con il suo splendido tempio buddhista e la sua via commerciale Nakamise. A fine pomeriggio, walking tour di Shibuya, un altro dei quartieri simbolo di Tokyo, che combina aspetti moderni e memorie struggenti del passato. Pasti liberi.

 

Oggi, per scoprire Tokyo, bisogna progettare una visita progressiva quartiere per quartiere, come se si visitasse una regione intera. Ognuno dei quartieri ha la sua attrattiva particolare, e meriterebbe in sé una visita, ma, se non avete un mese a disposizione, conviene scegliere. Forse Asakusa è la zona di Tokyo che ha conservato di più un’atmosfera tradizionale, a dispetto dei bombardamenti. Rinomata fino dai tempi antichi per essere la zona dei piaceri (proibiti o meno), Asakusa è una delle poche zone di Tokyo in cui si possa passeggiare per le viuzze, vagabondare nei negozietti e alzare lo sguardo senza riuscire a scorgere un grattacielo. Nella zona di Ginza e del palazzo imperiale potrete ammirare: alcuni spettacolari edifici in vetrocemento (come il Tokyo International Forum); la famosa ‘quinta strada’ di Tokyo, Marunouchi; la meravigliosa piazza del palazzo imperiale, da cui potrete solo immaginare lo sfarzo e l’eleganza di cui si circonda la famiglia imperiale (il palazzo è aperto ai visitatori solo una volta all’anno, nel giorno del genetliaco dell’Imperatore); la zona commerciale di Ginza, dove non manca nessuna delle grandi firme internazionali; i palazzi dell’alta finanza nell’elegantissimo quartiere di Shiodome; il santuario shintoista della dea Inari.

MERCOLEDÌ 02 NOVEMBRE- TOKYO

Prima colazione in hotel. Mezza giornata dedicata al poco conosciuto quartiere di Shibamata, gioiello nascosto città di Tokyo: tra negozistorici, strade d’epoca, case da tè e giardini, ci si immergerà nell’atmosfera più autentica della vecchia Edo, ferma in un passato cristallizzato e carico di fascino. Pasti liberi e pomeriggio a disposizione per visite individuali, relax, shopping nel quartiere di Ginza.

 

Ginza è un nome indissolubilmente legato alla raffinatezza di una certa produzione artigianale e al mercato del lusso ma non solo.
Grattacieli, architetture speciali, negozi di moda non solo giapponese , pubblicità all’avanguardia e luci dovunque la fanno assomigliare a Times Square ma con una classe giapponese unica.
Gli anni ’20 sono stati gli anni d’oro di questo storico quartiere che è considerato il salotto buono di Tokyo e che negli ultimi anni, grazie ad alcune scelte di viabilità come ad esempio l’interruzione del traffico nei weekend, lo rendono ancora più straordinario e attirano ancora più locali a passeggiare nei suoi ampi viali.
I motivi per visitare questo quartiere sono moltissimi e vanno dallo shopping del lusso all’architettura, alle gallerie d’arte e fotografia e ai migliori ristoranti della città.
Qui, si trova uno dei più famosi e interessanti teatri kabuki della capitale: il Teatro Kabuki Za

GIOVEDÌ 03 NOVEMBRE – TOKYO / SHIZUOKA/ NARA

In mattinata, partenza per Shizuoka in treno proiettile e proseguimento in Taxi privato per Nippondaira, dove si potrà ammirare ilvulcano Fujiyama che si affaccia sulle colline di terrazze di tè e sulle acque dell’Oceano. Successivamente, visita del santuario Toshogu con assistente, quindi proseguimento in treno proiettile per Kyoto. Pranzo libero. Incontro con assistente a Kyoto e proseguimento in treno locale per Nara. Trasferimento in ryokan.

Cena in ryokan.

(*) N.B. i bagagli (1 pezzo a persona – ogni bagaglio aggiuntivo prevede un supplemento di circa eur 25 per collo, da riconfermare al
momento della richiesta) viaggeranno separatamente dal gruppo e andranno direttamente da Nara a Kyoto .

VENERDÌ 04 NOVEMBRE – NARA/ KYOTO

In mattinata, visita di Nara con guida e minivan; la visita è incentrata sul parco dei cervi, sul bellissimo santuario Kasuga e sul maestoso tempio del grande Buddha di bronzo; quindi rientro in treno a Kyoto. Sistemazione in hotel. Nel pomeriggio, visita con guida (utilizzando i mezzi pubblici) del monastero buddhista Kiyomizu e discesa a piedi lungo le animate vie di Higashiyama (i quartieri delle colline orientali)
fino a Gion, il cuore storico di Kyoto.

Rientro in hotel in taxi. Pasti liberi.

SABATO 05 NOVEMBRE – KYOTO

Intera giornata di visite con guida e minivan privato: si visiteranno i templi zen più leggendari di Kyoto, il Ryoanji e il Kinkakuji, e il maestoso palazzo dello shogun, il Nijo-jo.
Pasti liberi.

DOMENICA 06 NOVEMBRE – KYOTO

Intera giornata di visite con guida e minivan: in mattinata, Arashiyama, il quartiere occidentale, diventato celebre per la sua foresta di bambù e per le sue case da tè immerse nel verde. Nel pomeriggio, il tempio buddhista Sanjusangendo, gloria dell’architettura giapponese, e il mitico santuario shintoista Fushimi Inari con la sua teoria infinita di torii arancioni.
Cena in ristorante presso Ponto-cho, il quartiere sul fiume.

Lo scrigno dei tesori del Giappone: ci sono più templi e santuari a Kyoto che chiese a Roma, e non ce n’è nessuno che non valga la pena visitare: se a questo si aggiunge che Kyoto si trova nel cuore della regione turistica del Kansai, una vera miniera di tesori di ogni tipo e forma, si può ben capire come una sosta in questa città fantastica sia il cuore di ogni viaggio in Giappone.
Non si può visitare Kyoto senza vedere uno dei suoi templi: il celebre monastero buddhista Kiyomizu, in cima alle colline orientali (Higashiyama), dalla cui terrazza di legno si domina la città, e che, soprattutto, è incastonato in un parco di alberi le cui foglie giocano all’arcobaleno.
Si potrebbero perdere giorni interi a passeggiare lungo le colline orientali di Kyoto, chiamate in giapponese Higashiyama: non solo templi e giardini a non finire, ma, soprattutto, il gusto della vecchia Kyoto, elegante e raffinata, che offre intatto al visitatore tutto il fascino della storia e della tradizione: partendo dalla cima del monastero Kiyomizu, si scende piano piano fino al quartiere di Gion, attraversando stradine piene di negozietti,
ristoranti, tempietti, e incrociando parchi, giardini, templi e pagode.

LUNEDÌ 07 NOVEMBRE – KYOTO/ KOYASAN

In mattinata, partenza con guida e treno locale per Koyasan. Sistemazione nella foresteria di un monastero giapponese, che offre camere in puro stile ryokan in un’atmosfera dalla suggestione impareggiabile. Pomeriggio dedicato alla visita della montagna sacra del buddhismo esoterico giapponese (shingon), che vanta una quantità incalcolabile di templi e giardini zen.
Cena in ryokan. In serata, passeggiata notturna lungo il sentiero dell’Okuno In, la suggestiva foresta sacra dove è sepolto Kobo Daishi, il fondatore del buddhismo esoterico.

NB: il bagaglio ‘grosso’ viaggerà separatamente dal gruppo e sarà recapitato in camera a Osaka. max 1 bagaglio per persona
Per il soggiorno al Koyasan , preghiamo predisporre un bagaglio leggero con tutto l’occorrente per la notte al Koyasan

MARTEDÌ 08 NOVEMBRE – KOYASAN / OSAKA

Mattina a disposizione per passeggiate e relax. Nel pomeriggio, rientro in treno a Osaka. Visita serale con assistente di Amerika mura e Dotombori a piedi: sono i quartieri più illuminati e divertenti di Osaka, e ricordano molto da vicino le atmosfere surreali di film di fantascienza in stile Blade Runner.
Pasti liberi. Pernottamento.

MERCOLEDÌ 09 NOVEMBRE – OSAKA
L’ultima giornata è dedicata all’escursione in treno a Himeji e Okayama per la visita dei due capolavori assoluti dell’arte giapponese: il castello dei samurai e la villa-giardino Korakuen. Le visite si effettueranno a piedi o con dei taxi.
Pasti liberi.
In serata trasferimento in minivan in aeroporto in tempo utile per la partenza con con voli Emirates

GIOVEDÌ 10 NOVEMBRE RIENTRO – OSAKA / ITALIA
In mattinata arrivo in Italia e trasferimento a Trieste